Alla Farnesina: “Investire in Italia: quadro normativo ed istituzionale per gli investimenti esteri”

14/06/2017


“Il Governo italiano, a partire dal vaglio del programma “Destinazione Italia” del 2013, ha incluso l’attrazione degli investimenti esteri fra le proprie priorità, procedendo a una riorganizzazione “sistematica” del settore per creare un ambiente più favorevole per le aziende che guardano all’Italia. L’interesse degli imprenditori per l’Italia è infatti elevato, come ho avuto modo di riscontrare direttamente incontrando molti di loro in Italia e all’estero […] Diplomazia economica vuol dire sostenere l’economia italiana aiutando le nostre imprese a espandersi all’estero e facendo in modo che sempre più imprese straniere investano da noi. L’Italia offre infatti grandi opportunità, essendo il secondo Paese manifatturiero d’Europa e una porta d’accesso ai 500 milioni di consumatori dell’Unione Europea e ai 270 dei Paesi del Mediterraneo del Sud e del Medio Oriente.” Così il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in occasione dell’evento “Investire in Italia: quadro normativo ed istituzionale per gli investimenti esteri”, realizzato il 13 giugno 2017 alla Farnesina.

L’evento, aperto dal ministro Alfano, è stata l’occasione per presentare la strategia governativa adottata per un business environment migliore e rendere così più attrattivo il nostro Paese. “L’Italia” ha riportato Alfano “ha fatto un salto dal 16° al 13° posto nel Foreign Direct Investment Confidence Index (pubblicato dalla A.T. Kearney)  e si trova oggi dopo la Svizzera. Inoltre, nella classifica europea degli investimenti esteri di Ernst & Young, l’Italia ha registrato un incremento dei progetti di investimento pari al 62% (dal 2015 al 2016), secondo solo a quello della Svezia”

Rivolto ad ambasciatori e diplomatici di circa 50 Paesi, ai rappresentanti delle multinazionali operanti in Italia e a studi legali e di consulenza, l’evento ha contato anche sulla presentazione del “Global Attractiveness Index” di The European House – Ambrosetti, modello analitico multi-dimensionale sull’attrattività del Paese.

Sono intervenuti numerosi rappresentanti delle istituzioni che operano nel settore per portare la propria testimonianza: General Electric, Nuovo Pignone – G.E. Oil & Gas, Huawei ed il fondo Americano Ramius, quattro importanti imprese straniere che hanno creduto e investito in Italia.

Fonte: Farnesina



Todas as Notícias