La nuova alba brasiliana: incontro con gli imprenditori lombardi

28/05/2018


Dopo il successo dell’incontro realizzato a Genova, continuano i Brazilian Days istituzionali con la tappa a Promos Milano, promossi dalle Camere di Commercio Italiane di Rio de Janeiro e San Paolo, per parlare delle nuove opportunità di business in Brasile.

Il Brasile rappresenta un’opportunità sempre più concreta per le imprese lombarde. Fintech, Energie rinnovabili, e IoT tra i comparti maggiormente in crescita con ricadute positive sui settori di hardware e software, automazione industriale, agrobusiness, mobilità urbana, salute e gestione ospedaliera. Ma anche approfondimenti su Oil&Gas e settori più tradizionali. Queste le opportunità per cogliere il momentum brasiliano.

Nel 2017 i rapporti commerciali tra Lombardia e Brasile hanno raggiunto un valore di 1,4 miliardi di euro; l’export regionale ha raggiunto i 955 milioni di euro, con una crescita dell’8,1% rispetto all’anno precedente. La Lombardia è la prima regione italiana per vendite in Brasile, con un quarto del totale nazionale, davanti a Piemonte e Emilia Romagna. I prodotti più esportati sono macchinari, chimici e farmaceutici.

Circa cinquanta imprenditori hanno partecipato all’incontro, che ha contato sulla presenza del Consolato Generale del Brasile a Milano, del Dirigente Promos Andrea Bonalumi e di SIMEST e SACE. Il Presidente della Camera di Commercio di Rio de Janeiro, Alessandro Barillà, e il Vice Presidente della Camera di Commercio di San Paolo, Graziano Messana di sono alternati spiegando il contesto macro economico brasiliano e come fare affari in Brasile nel modo adeguato. Il dibattito sulle piccole e medie imprese è stato stimolato da Assolombarda che ha dato spunto per illustrare come anche le piccole imprese posso raccogliere grandi opportunità.

“Nel 2017 l’export lombardo in Brasile è cresciuto dell’8,1% rispetto all’anno prima, un dato che evidenzia come per le imprese della regione il mercato brasiliano, dopo qualche anno di sofferenza, sia tornato a essere un bacino di opportunità di business – spiega Andrea Bonalumi, dirigente di Promos -. La ripresa è trainata sia da settori consolidati, come macchinari e chimica, sia da comparti nuovi, come quello dei prodotti per il trattamento dei rifiuti e dei servizi”.

“Il Brasile è entrato in un nuovo ciclo favorevole di investimenti e opportunità per le piccole e medie imprese – aggiunge Graziano Messana, vice presidente della Camera di Commercio di San Paolo-. Le aziende europee stanno aprofittando, unitamente a quelle asiatiche e americane, di questo momento di ripresa economica, con un Pil in aumento previsto per l’anno in corso, oltre che per il 2019, tra il 2,5 e il 3%, e con un cambio favorevole agli investimenti”.

La Camera Italo-Brasiliana di Commercio e Industria di Rio de Janeiro e la Camera Italo-Brasiliana di Commercio, Industria e Agricoltura di San Paolo lavorano in maniera integrata e in perfetta sinergia, favorendo l’accesso alle aziende italiane nel territorio coperto dalle due Camere, che copre circa il 60% del PIL brasiliano e il 35% della popolazione.



Todas as Notícias