Gli investimenti aiutano l’economia italiana ad accelerare a seguito della pandemia

10/12/2021


Matteo Dell’Acqua non avrebbe mai pensato che la ripresa dell’Italia dal Covid sarebbe stata così buona.

Il trentunenne capo di un’azienda familiare dice che il suo investimento nella digitalizzazione e nei prodotti più ecologici realizzati durante la pandemia sta dando i suoi frutti e ha contribuito a un aumento annuale del 20 per cento degli ordini.

“Sta andando molto bene”, ha detto Dell’Acqua, la cui azienda in Lombardia – l’epicentro iniziale del Covid in Italia – produce tubi di plastica. L’azienda sta “navigando attraverso” la fase post-pandemia, dice, grazie a “un’atmosfera positiva generata dall’improvvisa e inaspettata ripresa”.

L’Italia, il primo paese europeo colpito dalla pandemia, sta ora cambiando marcia nella sua ripresa dopo un ampio programma di vaccinazione, robusti investimenti ed esportazioni in espansione.

“Le prospettive economiche dell’Italia sono molto migliori di quanto ci aspettavamo in primavera”, ha detto Mario Draghi, primo ministro italiano, il mese scorso. Si aspetta che il paese cresca del 6% quest’anno, in linea con l’OCSE e le previsioni private internazionali, e molto più forte del 4,5% previsto in aprile.

La crescita economica dell’Italia ha avuto il più grande incremento di qualsiasi altro paese del G7 negli ultimi cinque mesi, secondo Consensus Economics, che fa la media delle previsioni dei principali economisti.

Si tratta di un cambiamento marcato per un paese che ha sofferto anni di stagnazione economica, trascinando gli standard di vita al di sotto della media UE. Gli economisti sperano che possa essere un trampolino di lancio per cambiamenti più duraturi, con un ambizioso programma di riforme finanziate dall’UE e di spesa pubblica che sta iniziando.

“Per la prima volta in molti decenni, l’Italia è in una posizione favorevole”, ha detto Laurence Boone, capo economista dell’OCSE, al Financial Times. Ha sottolineato che l’Italia sta iniziando ad affrontare i ben noti freni alla crescita, come un sistema di giustizia civile sclerotico e la pubblica amministrazione e le sue inefficaci leggi sulla concorrenza. “L’Italia oggi è nella posizione di resettare la sua economia”.

Draghi, l’ex presidente della Banca Centrale Europea, ha attribuito gran parte del miglioramento delle prospettive di quest’anno alla campagna di vaccinazione del suo governo. La percentuale di persone completamente vaccinate in Italia è la seconda più grande tra i paesi del G7, dopo aver reso un “pass verde” Covid obbligatorio per quasi tutti i lavoratori e l’accesso alla maggior parte dei luoghi pubblici.

Draghi ha detto che questo ha permesso la riapertura delle imprese senza un picco di ricoveri, aumentando la fiducia dei consumatori e la spesa. Il consumo delle famiglie è aumentato di un forte 5,5% nel secondo trimestre.

Nicola Nobile, economista di Oxford Economics, si aspetta che l’economia italiana si sia espansa di circa il 2,5% nel terzo trimestre, dopo un rimbalzo superiore alle aspettative del 2,7% nel trimestre precedente.

Anche altri fattori sono in gioco nella ripresa, ha detto Emma Marcegaglia, presidente del B20 international business summit, un forum d’affari del G20.

Gli investimenti sono “in pieno boom”, ha detto la Marcegaglia, grazie agli incentivi sostenuti dal governo per il miglioramento dell’efficienza energetica e l’acquisto di macchinari e attrezzature, così come una maggiore fiducia degli investitori nel governo di Draghi dopo anni di instabilità politica.

Molte aziende hanno anche intensificato gli investimenti digitali per adattarsi alla pandemia – aiutando l’Italia, che è rimasta indietro rispetto ai coetanei dell’UE nella preparazione all’e-commerce, a recuperare terreno. Gli investimenti italiani sono stati del 5% superiori ai livelli pre-pandemia nel secondo trimestre, più forti di una contrazione marginale in Germania e di un calo del 4,5% nel Regno Unito.

Anche le esportazioni stanno sostenendo il rimbalzo post-pandemia, con l’Italia meno colpita di alcuni paesi dalle interruzioni della catena di approvvigionamento grazie alla minore dipendenza dalle importazioni di semiconduttori, secondo alcuni analisti. Nei primi sette mesi dell’anno, il valore delle esportazioni italiane di beni è aumentato del 4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019, meglio della stagnazione della Germania e della contrazione della Francia.

I produttori si sono dimostrati agili nell’adattarsi ai cambiamenti delle restrizioni nazionali e internazionali, ha detto Marcegaglia;

La transizione verde e digitale potrebbe continuare ad un ritmo molto più veloce se l’Italia otterrà i 205 miliardi di euro dal piano di rilancio dell’UE “Next Generation” che è stato promesso se le riforme e gli obiettivi chiave saranno raggiunti.

Questo è di gran lunga il più grande impegno dell’UE nei confronti di uno stato membro e sarebbe il più grande pacchetto di sostegno dell’Italia dai tempi del piano Marshall dopo la seconda guerra mondiale. L’Italia ha già ricevuto una rata di 25 miliardi di euro.

L’OCSE si aspetta che la produzione economica dell’Italia ritorni ai livelli pre-pandemia entro l’inizio del 2022, più velocemente che nelle stime precedenti e molto più velocemente della ripresa nelle recessioni precedenti – anche se più tardi che nella maggior parte delle economie avanzate. Prima della pandemia, la produzione non aveva recuperato i livelli di più di un decennio prima.

Il governo italiano è certamente ottimista. Si aspetta che una forte crescita continui almeno fino al 2024, riducendo l’alto debito pubblico del paese, oltre il 150% del prodotto interno lordo, e il tasso di disoccupazione superiore alla media europea, oltre il 9%.

Nobile sostiene che “le ambiziose agende di riforma tipicamente affrontano enormi ostacoli politici in Italia” e che le previsioni ufficiali di crescita potrebbero essere “troppo ottimistiche”. La stabilità politica è anche una minaccia per le riforme e il piano di spesa.

“Per quanto buona possa sembrare tutta questa modernizzazione, il sistema politico frammentato dell’Italia ha spesso significato che le riforme iniziate da un governo vengono invertite o abbandonate da quello successivo”, ha detto Nick Andrews, economista della società di ricerca sugli investimenti Gavekal Research.

Nel frattempo, ci sono preoccupazioni a più breve termine. L’Italia è già preoccupata per l’impennata dei prezzi dell’energia in Europa e sta per spendere 4 miliardi di euro per sovvenzionare le bollette. Una crisi prolungata potrebbe ridurre il ritmo della ripresa. L’indebolimento della domanda a seguito di una prolungata interruzione della catena di approvvigionamento e il rallentamento della crescita economica cinese creano ulteriori venti contrari per il paese e per l’economia globale.

Ma l’ottimismo delle imprese e dei consumatori italiani rimane ai massimi da quasi un decennio. “Naturalmente, dobbiamo essere cauti e continuare a monitorare fattori critici come il costo delle materie prime e dei trasporti”, ha detto Dell’acqua, “ma al momento abbiamo il vento in poppa”.

Fonte: Financial Times



TUTTE LE NOTIZIE