Il viaggio transatlantico dei Kombis e il ruolo di Ventana Serra

05/11/2021


Sei anni fa, l’uomo d’affari Alexandre Fares ha scoperto che lavorare per la conservazione, il restauro e la manutenzione dei kombis e venderli ad acquirenti di altri paesi poteva essere un ottimo affare. L’idea è venuta quando si è reso conto che, in Brasile, il veicolo porta ancora lo stigma di un furgone per il trasporto di passeggeri o merci. Ma all’estero, il kombi è un oggetto di desiderio per i collezionisti, le compagnie turistiche e anche per coloro che sognano una casa su quattro ruote, il camper.

Fares aveva ragione. Per avere un’idea, oggi, una Kombi Corujinha restaurata, collocata nel porto di destinazione, non esce per meno di 32 mila euro (circa 198 mila reais), compreso il costo, l’assicurazione e il trasporto (CIF). Da quando è entrato nel business, il modello più costoso esportato da Fares è stato un Kombi del 1959, acquistato da un cliente australiano per 40 mila euro (circa 248 mila reais).

E non mancano gli acquirenti accaniti per questi classici furgoni Volkswagen. Oggi, l’azienda di Fares, Brazil Kombi, esporta in media 100 veicoli all’anno in 15 paesi: Germania, Andorra, Australia, Belgio, Canada, Spagna, USA, Francia, Olanda, Inghilterra, Italia, Libano, Portogallo, Svizzera, Porto Rico. Per raggiungere tutti questi paesi in modo competitivo e sicuro, Fares utilizza i servizi di Ventana Serra do Brasil, una società di logistica internazionale che serve grandi aziende automobilistiche, come il gruppo Fiat.

L’esperienza di Ventana Serra è stata una “mano al volante” per Brazil Kombi, che ha solo bisogno di trasferire la documentazione a nome dell’acquirente e consegnare l’auto al terminal del porto di Rio de Janeiro. Ventana Serra fa la prenotazione del carico, fornisce la documentazione con l’IRS, trova la nave nella rotta necessaria e si occupa del trasporto fino al porto finale, dove l’importatore ritira la macchina. “Il cliente ci dà il veicolo, noi facciamo lo sdoganamento, il carico va a bordo della nave e questo è tutto”, riassume Bruno Vasconcelos, dirigente commerciale di Ventana Serra a Rio.

I Kombi restaurati da Fares sono trasportati all’interno di container, come se fossero “incartati”. Perché non sono semplicemente dei Kombi restaurati: alcuni sono personalizzati con capriccio e creatività. Questo è il caso di un camper chiamato “Herbie”, beige e dipinto in un modo che ricorda il famoso film della Disney, “Un maggiolinot tutto matto” (in inglese, The Love Bug). L'”opera d’arte” è stata acquistata da un cliente francese per 19 mila euro (120 mila reais).

“Herbie” ha avuto così tanto successo che l’azienda ha ricevuto due ordini per lo stesso modello – uno sarà inviato in Francia e l’altro in Germania. Fares dice che il segreto è il “passaparola”. “Un uomo d’affari australiano, che affitta auto per matrimoni e compleanni, ha visitato diversi miei clienti in Europa prima di avvicinarmi. Quando ha visto che l’affare era sicuro, ha comprato dieci auto in una volta sola”, rivela l’uomo d’affari.

Il Kombi non è l’unico beniamino degli stranieri. Altri classici raffreddati ad aria di Volkswagen, come Fusca, Variant, Brasília e Saveiro, sono anche nel mirino di questi clienti. C’è anche una domanda per il Puma sportivo. La concorrenza, tuttavia, è impari, poiché oggi i kombi rappresentano il 90% delle esportazioni di Brazil Kombi.

Il servizio di riforma, restauro e personalizzazione delle auto è fatto da 11 dipendenti in un laboratorio di 500 metri quadrati in Duque de Caxias (RJ), sede della società, che ha anche un magazzino delle stesse dimensioni. Fares e il suo socio, Paulo Victor Mesquita, si occupano della parte amministrativa e del servizio clienti.

Per avere un’idea della cura, il processo di riforma di un Kombi richiede, in media, tre mesi. Quando si tratta di un restauro o di una personalizzazione del veicolo, il lavoro è ancora più lungo e può richiedere fino a sei mesi. Attualmente, la domanda è superiore alla capacità di servizio dell’azienda. E c’è molta creatività per consegnare così tante richieste diverse. Qual è la ricetta per questo? “Non c’è scienza. Tutto è fatto sull’emozione”, dice Fares.

Fonte: CarPoint News



TUTTE LE NOTIZIE